Locazione uffici: transitorietà lecita se dichiarata

Il contratto di locazione commerciale può essere stipulato per un periodo più breve, rispetto ai termini di 6 e 9 anni, qualora l’attività esercitata o da esercitare nell’immobile abbia, per sua natura, durata transitoria.

La legge 392/78 all’articolo 27, c. 5, sancisce che «il contratto può essere stipulato per una durata più breve qualora l’attività esercitata o da esercitare nell’immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio».

La Cassazione ha precisato che:

«qualora sia stipulata per una durata inferiore a quella legale una locazione di immobile destinato all’esercizio di una delle attività previste dall’articolo 27, legge n. 392 del 1978, il contratto, ove sorga controversia, potrà essere ritenuto conforme al modello legale “locazione non abitativa transitoria” e, quindi, sottratto alla sanzione di nullità di cui all’articolo 79 della legge stessa e alla eterointegrazione ex articolo 1339, Codice civile, a condizione che la transitorietà sia espressamente enunciata, con specifico riferimento alle ragioni che la determinano, in modo da consentirne la verifica in sede giudiziale e sempreché risulti, in esito ad essa, che le ragioni dedotte (delle quali si postula l’effettività, ricorrendo, diversamente, una fattispecie simulatoria) siano di natura tale da giustificare la sottrazione del rapporto al regime ordinario e, cioè, siano ragioni obiettive che escludano esigenze di stabilità» (Cassazione 18 aprile 1996, n. 3663).

La transitorietà va quindi verificata non tanto in relazione al tipo di attività in sé, quanto considerando il particolare modo in cui l’attività stessa si atteggia in concreto, come desumibile dalla volontà delle parti secondo i criteri ermeneutici di cui agli art. 1362 ss. c.c.. In particolare, la Cassazione ha confermato la sentenza del giudice del merito che, tenuto conto delle clausole contrattuali e del comportamento complessivo delle parti, aveva affermato la transitorietà di una locazione avente ad oggetto un immobile da adibire a deposito e vendita di stock occasionali di mobili e arredamenti Cass. Civ., sez. III, 20 agosto 1990, n. 8489.

Locazione uffici: transitorietà lecita se dichiarataultima modifica: 2009-09-23T07:23:00+02:00da in_rada
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento