Locazioni commerciali con durata superiore a 6 anni: libero l’ aggiornamento del canone

 

L’ articolo 41, c. 16 duodecies, della Legge di conversione n. 14 del 27 / 2 /09 del DL 207 / 2008 (cd. Milleproroghe) ha, in parte, modificato la disciplina prevista dall’ art. 32 della Legge 392/1978 per quanto riguarda l’ aggiornamento del canone di locazione degli immobili adibiti ad uso non abitativo. Per i nuovi contratti di locazione ad uso non abitativo in cui venga pattuita una durata superiore al minimo di legge (ossia 6 anni per immobili industriali, commerciali e artigianali o di interesse turistico o adibiti all’ esercizio abituale e professionale di qualsiasi attività di lavoro autonomo e 9 anni per immobile adibito ad attività alberghiere) la variazione del canone diviene liberamente determinabile dalle parti nel senso che essa potrà essere anche superiore al previgente limite del 75% della variazione dell’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (quindi anche 100%) stabilita dall’ Istat.

L’ entità dell’ aggiornamento dovrà comunque sempre essere indicata nel contratto. Il nuovo meccanismo di calcolo si potrà applicare anche ai contratti attualmente in corso sempre laddove sia prevista una durata superiore a quella minima di legge.

Per i contratti di locazione ad uso non abitativo per i quali la durata è stata pattuita in misura corrispondente a quella minima di legge (ex art. 27 L. 392 / 78 e cioè 6 o 9 anni a seconda della destinazione dell’ immobile) resta in vigore il limite del 75% delle variazioni accertate dall’ Istat e riferite all’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. In ogni caso l’ aggiornamento dovrà essere espressamente previsto nel contratto.

Si riporta il testo dell’ articolo 32 L. 392 / 1978 come risultante dalle modifiche apportate dalla legge di conversione del DL 207 / 2008:


Legge 27 luglio 1978, n. 392. Disciplina delle locazioni di immobili urbani. Art. 32. Aggiornamento del canone.
Le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore per eventuali variazioni del potere di acquisto della lira. Le variazioni in aumento del canone, per i contratti stipulati per durata non superiore a quella di cui all’ art. 27, non possono essere superiori al 75 per cento di quelle, accertate dall’ ISTAT, dell’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai contratti di locazione stagionale ed a quelli in corso al momento dell’ entrata in vigore del limite di aggiornamento di cui al 2° comma del presente articolo.

Locazioni commerciali con durata superiore a 6 anni: libero l’ aggiornamento del canoneultima modifica: 2009-09-30T07:10:00+02:00da in_rada
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Locazioni commerciali con durata superiore a 6 anni: libero l’ aggiornamento del canone

Lascia un commento