Uffici arredati Milano zona Via Montenapoleone

Via Monte Napoleone è una via centrale di Milano, ritenuta una la zona del lusso, centro dello shopping e della moda. Viene anche scritta con un’unica parola: Via Montenapoleone.

La strada è densa di negozi e showroom dei più influenti nomi della moda, quali Louis Vuitton, Dolce & Gabbana, Gucci, Prada, Dior. Assieme alle attigue Via Sant’Andrea, Via della Spiga e Via Pietro Verri, rappresenta il Quadrilatero della moda.

Se stai cercando un ufficio in affitto in Via Montenapoleone, dovresti valutare anche l’opportunità offerta da un centro uffici arredati in Milano nella vicina via Monte di Pietà. In un palazzo dell’ 800 trovate un centro uffici di 6 piani, con una buona varietà di uffici arredati pronti per lavorare immediatamente.

L’ambiente e gli arredi rispettano le caratteristiche storiche del palazzo, composte da marmi, stucchi e legno; i clienti sono accolti in un clima ovattato e prestigioso. Puoi aprire così un ufficio rapidamente nella capitale economica d’Italia dove hanno sede le principali società finanziarie e le più rappresentative case di moda, in una zona elegante ideale mix tra business e tempo libero.

Nei centri uffici arredati trovi anche servizi che ti permettono di acquisire una eccellente immagine aziendale a prezzi competitivi. Attivare un ufficio virtuale significa disporre immediatamente di:
– Un indirizzo d’affari prestigioso per un’eccellente immagine aziendale
– Gestione della posta e delle telefonate
– Costo ridotto rispetto all’ufficio fisico
– Configurazione rapida
– Sconti su sale riunioni, ufffici a giornata

L’ufficio virtuale infatti consente di disporre di una immagine qualitativa con un indirizzo prestigioso, potendo utilizzare sale e uffici a tempo e l’assistenza necessaria alla gestione della corrispondenza e delle chiamate, riuscendo, al contempo, a tenere i costi sotto controllo. 

Clicca qui per saperne di più.

Uffici arredati Milano zona Via Montenapoleoneultima modifica: 2011-06-17T17:49:00+02:00da in_rada
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento